Natale 2009: gli auguri del vescovo alla Diocesi | TeleRadioPace TV
Sostieni Teleradiopace con un'offerta
dic 262009
 

<br />CHIAVARI – Mons. Alberto Tanasini ha formulato gli auguri di buon Natale ai fedeli della Diocesi. Il vescovo ha fatto riferimento all’anno mariano che la Chiesa di Chiavari sta vivendo, affidando a Maria i fedeli chiavaresi. Ecco il testo integrale: “Anche quest’anno grazie a Telepace posso entrare nelle vostre case e far arrivare a tutti voi il mio augurio per il Natale.
Mi ispiro ad un Pastorale. Il Pastorale è il bastone che il vescovo usa e che richiama il suo compito di pastore. Nella nostra Cattedrale è custodito un Pastorale che fu regalato al primo vescovo della diocesi, Mons. Fortunato Vinelli con una dedica di donazione a lui e a tutti i suoi successori. E’ il Pastorale dei vescovi di Chiavari. Nel riccio di questo Pastorale è raccolta una piccola statua che rappresenta la Madonna dell’orto. La Madonna che tiene la mano di suo figlio Gesù.
Nei biglietti di auguri che sto mandando in questi giorni è raffigurato questo Pastorale. Proprio ad indicare il particolare legame tra il compito del vescovo di Chiavari e la Vergine Santa, la Madonna dell’orto, patrona della Diocesi.
Nel biglietto di auguri ho fatto riferimento proprio al gesto: il gesto della mamma che tiene il braccio del bambino e gli chiede in questo modo di benedire il suo popolo.
C’è una frase che si ispira al Salmo 73 “…Mi hai preso per la mano destra. Mi guiderai secondo i tuoi disegni…”
Attraverso questa frase esprimo il mio augurio. In questo Natale dell’anno mariano chiavarese chiedo a Maria Santissima, la Madre di Gesù, di tenere la mano destra del Santo Bambino (come nell’icona di Nostra Signora dell’Orto) perchè Egli tutti benedica e di prendere ciascuno di noi per la destra guidandoci a Lui, perchè facciamo “qualsiasi cosa egli ci dica”.
Non vi sembri poco natalizio questo augurio. Non vi sembri lontano dalla tradizione questa immagine perchè noi andremo al presepe e come i pastori troveremo il bambino con Maria sua madre. Ecco, il gesto di benedizione, è il gesto che chiederemo al presepe. La presenza di Maria sarà la presenza che ci permetterà di incontrare ancora il suo figlio Gesù e ci permetterà di incontrarlo con questo atteggiamento vivo, atteggiamento di colui che ci dà il bene. Questo bene auguro a tutti indistintamente, ai bambini, agli anziani, in particolare agli ammalati, agli sposi, alle spose, a tutti chiedo che venga donato questo bene da Gesù Bambino.
Condotti per mano da Maria andiamo dunque a lui e troveremo questo dono ineffabile: il figlio di Dio fatto uomo per noi attento alla nostra vita di cui si è fatto partecipe.
Concludo questo augurio con un ringraziamento del tutto personale: in questo anno mi sono sentito particolarmente in famglia qui nella Chiesa chiavarese.
La vicenda della mia mamma ammalata è stata oggetto della preghiera, dell’attenzione, della preoccupazione di molti. Questo penso sia il momento più giusto per ringraziare tutti e per dire che ho sentito profondamente il vostro affetto, quell’affetto che il Natale suscita in particolare nei nostri cuori. E’ l’affetto con cui vengo a ciascuno di voi ricambiando la vostra vicinanza così familiare che mi fa sentire davvero in casa di ognuno in casa mia.
Buon Natale a tutti. + Alberto Tanasini – vescovo di Chiavari”